Rete di Ricerca di Google

Scopri di più
Rete di Ricerca di Google

Rete Display di Google

Scopri di più
Rete Display di Google

Facebook

Scopri di più
Facebook

Twitter

Scopri di più
Twitter

Google + (plus)

Scopri di più
Google + (plus)

Instagram

Scopri di più
Instagram

Pinterest

Scopri di più
Pinterest

LinkedIn

Scopri di più
LinkedIn

Youtube

Scopri di più
Youtube
Action Presence

Rete di Ricerca di GoogleRete di Ricerca di Google (Adwords Search)

Rete di Ricerca di Google (Adwords Search)Adwords è la piattaforma pubblicitaria di Google che consente di raggiungere gli utenti, sulle pagine dei risultati di ricerca nell’esatto momento in cui cercano quello che l'azienda ha da offrire sia in termini di prodotto che di servizio.
Google e i suoi partner di ricerca coprono quasi il 95% delle ricerche quotidiane di tutta internet sia attraverso il motore di ricerca che gli strumenti Immagini, News, Maps e Shopping: “To google something” è un sinonimo di “cercare qualcosa online”.

E’ importante fare una distinzione tra ricerca organica (risultati di ricerca calcolati con il PageRank ovvero l’algoritmo di indicizzazione e raniking di Google) e ricerca a pagamento (annunci pertinenti mostrati in prossimità dei risultati organici).

Il vantaggio principale degli annunci a pagamento di Google (che contengono un titolo, una descrizione, un URL di visualizzazione e un URL di destinazione) è quello di riuscire a contestualizzare annunci fortemente pertinenti proprio durante l’attività fattiva di ricerca di un utente.

E’ per questo che è preferibile sfruttare una parola chiave specifia come : “nuova nomeprodotto/servizio nomebrand milano” piuttosto che una generica come: “nomeprodotto milano”.

Punti di forza   della Rete di RicercaPunti di forza della Rete di Ricerca

Punti di forza dalle Rete di Ricerca di Google (Adwords Search)

  • Pubblicazione di annunci pertinenti per le singole attività esistenti nel sito internet che avviene sulla base delle frasi di ricerca inserite dall’utente (massimo interesse);
  • Addebito pubblicitario solo quando un utente clicca sull’annuncio ovvero quando l’utente “atterra” sul minisito del prodotto/servizio dell'azienda;
  • Pubblicità dinamica: è possibile sapere in ogni momento come stanno andando le campagne e procedere ad ottimizzazioni per sfruttare al meglio le soluzioni ottimali e bloccare quelle che non fanno convertire;
  • Target approfonditamente definiti sulla base di parole chiave, lingua dell’utente, localizzazione fisica, giorno della settimana e ora del giorno;
  • Esclusione di eventuali parole chiave che risultano essere fuorvianti e quindi poco pertinenti (esempio: “non voglio clienti che hanno usato il termine ‘usata’ nelle loro frasi di ricerca perché voglio promuovere vetture nuove”);
  • Possibile inserimento di un numero telefonico che può essere chiamato direttamente con un semplice clic sullo schermo di un dispositivo mobile;
  • Possibile inserimento direttamente nell’annuncio della mappa per localizzare il punto vendita dell'azienda e suggerire all’utente il migliore percorso per raggiungerlo;
  • Scalabilità del sistema che è, inoltre, performante e facilmente adattabile alle novità in tempi rapidissimi (implementazione di campagne in tempo reale);
  • Risultati misurabili sia in termini quantitativi che qualitativi; rappresentano un ottimo elemento per conoscere approfonditamente il comportamento online dei propri clienti potenziali.
  • Suggerimenti Utili per la Rete di Ricerca

    DO

    DON’T

  • Utilizzare la ricerca quando si vuole avere una risposta diretta da parte dell’utente.
  • Utilizzare la rete di ricerca solo per fare una semplice attività di branding (bassa pertinenza, costi elevati, conversioni).
  • Utilizzare parole chiave pertinenti e competitive.
  • Utilizzare parole chiave corte e troppo generiche.
  • Creare gruppi di annunci per singolo argomento in modo da massimizzare la pertinenza.
  • Creare un unico gruppo di annunci con più parole chiave possibile.
  • Arricchire gli annunci con estensioni come link diretti (sitelink), numeri telefonici diretti, mappe di localizzazione.
  • Creare annunci generici e poco correlati alle frasi di ricerca degli utenti.
  • Utilizzare diverse campagne specifiche con target raffinati e budget adeguati.
  • Utilizzare un’unica campagna per tutte le necessità di comunicazione.
  • Creare pagine di atterraggio di prodotti e servizi altamente specifiche e concepite per favorire la conversione.
  • Indirizzare l’utente che ha fatto click sulla home page del sito istituzionale.
  • Scegliere le parole chiave analizzando in itinere il comportamento degli utenti in modo da individuare i giusti target.
  • Definire a tavolino le parole chiave senza considerarne le performance.
  • Fornire una risposta quanto più esaustiva a ciò che i potenziali clienti stanno cercando.
  • Creare un annuncio generico e istituzionale non correlato alla ricerca effettuata dall’utente.
  • Favorire la conversione inserendo nei testi degli annunci un invito all’azione.
  • Considerare un annuncio come un “cartellone pubblicitario”.
  • GLOSSARIO

    CTR: Rapporto che indica la frequenza con cui le persone che visualizzano l’annuncio e fanno clic su di esso
    CPC: Costo per clic
    Parola chiave: Parole o frasi che descrivono il prodotto o servizio per aiutare il sistema a stabilire quando e dove pubblicare il tuo annuncio
    Annunci: Messaggi unici su beni, prodotti o servizi che si intende promuovere.
    Campagna: Insieme strutturato di gruppi di annunci
    Punteggio di qualità: Misura del livello di pertinenza di annunci, parole chiave e pagina di destinazione per chi visualizza l’annuncio; più un annuncio è pertinente e performante e meno costa!
    Conversioni: Azione realizzata da un cliente che ha un valore per l’attività promossa (es. un acquisto, il download di un’app, la visita a un sito web, la compilazione di un modulo)